venerdì 7 giugno 2013

Frutta

Con la parola frutta si raggruppano comunemente vari tipi di frutto commestibili compresi alcuni che non sono propriamente frutti, come le pomacee, ed escludendone altri come i pomodori principalmente in base al tipo di uso che se ne fa nell'alimentazione.

Esiste una grande varietà di alberi da frutta: in tutte le regioni si coltivano le pomacee (mele e pere) e le polpose (pesche, albicocche,prugne, ciliegie e susine); nelle regioni a clima mediterraneo si coltivano anche gli agrumi (limoni, arance e mandarini) e la frutta in guscio (noci, nocciole e mandorle).

I tempi di maturazione sono diversi e questo fatto permette di avere polpose in estate, agrumi in inverno, pomacee nelle stagioni intermedie.

Usi

Molta, sia fresca che secca, è usata commercialmente come cibo, mangiata fresca o in marmellate e confetture o altri tipi di conserve. Spesso la frutta è anche un ingrediente per vari piatti, specialmente i dolci. Se fresca, in genere, viene mangiata a fine pasto, anche se questa è più che altro solo un'abitudine comune. Infatti, gli esperti consigliano di consumarla sempre prima dei pasti. È consigliabile inoltre sostituire la merenda pomeridiana con della frutta fresca. Il consumo di frutta, nei Paesi mediterranei, è tradizionalmente più alto rispetto ai Paesi più nordici. C'è da dire però che il consumo di tale alimento non è mai abbastanza, e sarebbe buona norma abbondare, variando quotidianamente, a vantaggio della nostra salute. Infatti, è provato scientificamente che un abbondante consumo di frutta (e verdura) fresca, riduca notevolmente l'insorgere di numerose malattie. In genere i frutti che riescono a fornire la maggior quantità di vitamina C sono l'arancia e i suoi derivati (mandarino, mandarancio, clementina, ecc.)

Uva

Le uve per le opportunità offerte per il consumo e la dolcezza che forniscono il loro grano, è un dessert ideale per persone di ogni età, oltre al suo sapore squisito delle sue proprietà nutrizionali. I benefici per la salute di uva deriva gran parte dei suoi componenti nutrizionali come un certo numero di altre sostanze, le cui proprietà sono studiati nella ricerca recente. Questi composti fenolici, abbondanti nelle uve e responsabile per il suo colore e sapore, come antociani, tannini e flavonoidi, tutti con potente antiossidante. Gli antociani sono i pigmenti responsabili del colore delle uve rosse e rosso e sono assenti nelle varietà a bacca bianca. Tannini dare loro la sensazione di astringenza di uva verde. Tra i flavonoidi, resveratrolo è il più riconosciuto. Si trova principalmente nella buccia delle uve rosse e rosso e ha proprietà antifungine, vale a dire, impedisce la crescita di funghi nelle uve. Recenti studi scientifici hanno dimostrato l'efficacia di inibire o bloccare la crescita del tumore, pertanto si consiglia il consumo regolare di uve in cancro e se si dispone di fattori di rischio. Antiossidanti e radicali liberi Tutti i suddetti composti hanno capacità antiossidante. Durante i processi che si verificano in cellule vengono generati sostanze dannose per l'organismo, radicali liberi, e direttamente legato allo sviluppo di malattie cardiovascolari, malattie degenerative, cancro e il processo di invecchiamento. Recenti studi dimostrano che gli antiossidanti bloccare la formazione contribuiscono a tale sostanza. Flavonoidi e resveratrolo, in particolare, produrre i seguenti benefici sulla circolazione nelle arterie: vasodilatazione, aumentando così il flusso di sangue, diminuita aggregazione piastrinica (sangue scorre più agevolmente riducendo così il rischio di coaguli di sangue o trombi) e inibizione dell'ossidazione del colesterolo LDL che innesca il suo deposito nelle arterie porta all'aterosclerosi. In sostanza, possiamo garantire che l'uva e il mosto (succo d'uva) sono alimenti che promuovono la salute delle arterie e del cuore. Per i benefici di antiossidanti, aggiunge il contributo di potassio e magnesio, minerali coinvolti nella contrazione muscolare e cardiaco. Tuttavia, il loro uso dovrebbe tener conto delle persone con insufficienza renale e richiedono diete speciali controllati in questa potassio. Tuttavia, coloro che assumevano diuretici per eliminare potassio e le persone con bulimia, a causa di auto-indotti episodi di vomito che causano enormi perdite di questo minerale, è opportuno che il consumo di questi frutti. Alto in fibra Le uve per il loro contenuto di fibre è un blando lassativo. In caso di stipsi, si consiglia di consumare con la buccia dell'uva con i semi, perché è lì che le sostanze che favoriscono la motilità intestinale e aiutano a regolare il suo funzionamento. Per chi ha lo stomaco debole, è preferibile consumare il succo d'uva o di vino. A causa della ricchezza dello zucchero dell'uva, le persone con diabete e sovrappeso possono prendere, ma controllare la quantità. Il livello moderato di acido folico o folato, vitamina essenziale nei processi di divisione cellulare e la moltiplicazione che si svolgono nei primi mesi di gravidanza, rende il consumo di uva interessante per le donne in gravidanza per prevenire la spina bifida, alterato sviluppo del sistema nervoso (tubo neurale) del feto. Grazie alla sua particolare composizione, questi frutti hanno un effetto diuretico utile se iperuricemia e gotta e calcoli renali (aiuta ad eliminare l'acido urico e suoi sali), ipertensione o altre malattie associate a ritenzione di liquidi. Acido ossalico contenente uve nere possono formare sali di minerali come calcio per formare ossalato di calcio, così consumo deve essere presa in considerazione se questo tipo soffrono di calcoli renali, come potrebbe aggravare la situazione. Polifenoli e tannini, sostanze abbondanti nelle varietà rosse possono scatenare l'emicrania nelle persone predisposte.

Composizione della frutta

La composizione chimica dei frutti dipende dal tipo di frutta e la sua maturazione.
Acqua: Più di 80% e il 95% della composizione del frutto è l'acqua. A causa di questa elevata percentuale di acqua e aromi di sua composizione, il frutto è molto rinfrescante.
Carboidrati: Tra il 5% e il 18% della frutta è costituita da carboidrati. Il contenuto può variare dal 20% nella banana fino al 5% nel melone, anguria e fragole. Altri frutti hanno una media di 10%. Il contenuto di carboidrati può variare a seconda delle specie e anche a seconda del momento della raccolta. I carboidrati sono di solito zuccheri semplici come fruttosio, saccarosio e glucosio, facilmente digeribili e rapidamente assorbiti. Nel frutto acerbo troviamo amido, per esempio nelle banane; la successiva maturazione lo trasforma in zuccheri semplici.


Questa ed altre novità vi aspettano come sempre nel mio blog
In cucina con Violetta
e nella mia pagina Facebook In Cucina con Violetta
mettete tanti mi piace per rimanere sempre aggiornati
Ciao!
Fibra: Circa il 2% del frutto è di fibre alimentari. I componenti di fibre vegetali che possiamo trovare nella frutta sono prevalentemente pectina e emicellulosa. La buccia del frutto è quella con la più alta concentrazione di fibre, ma anche dove si può trovare qualche traccia di contaminanti, quali insetticidi, che sono difficili da rimuovere se non con la pelatura del frutto. Le fibre solubili come la pectina gelificante o la forma di miscele di acqua viscoso. La viscosità dipende dal frutto da cui proviene e il grado di maturazione. Pectine pertanto svolgere un ruolo importante nella consistenza del frutto.
Vitamine: Come carotene, vitamina C , vitamine del gruppo B. Secondo il contenuto di vitamine possono fare due grandi gruppi di frutta:

Ricco di vitamina C, contenenti 50 mg/100. Questi agrumi sono anche meloni, fragole e kiwi. Ricco di vitamina A: sono ricchi di carotenoidi, come albicocche, pesche e susine. Sali minerali: come verdura, frutta sono ricchi di potassio, magnesio, ferro e calcio. I minerali sono sempre importanti, ma soprattutto durante la crescita per ossificazione. Il minerale di potassio più importante. Quelli che sono più ricchi di potassio sono la frutta di pietra come l'albicocca, ciliegia, prugna, pesca, ecc.
Calorie: Il potere calorifico è determinata dalla sua concentrazione di zucchero, compresi tra il 30-80 kcal/100 g. Come abbiamo frutto di grassi, come avocado che ha un 16% di grassi e di cocco che finisce per avere fino al 60%. Avocado contiene acido oleico che è un acido grasso, monoinsaturi, ma la noce di cocco è ricca di grassi saturi come l'acido palmitico. Avendo un alto valore di lipidi hanno un elevato valore energetico di 200 Kilocalorías/100grammi. Ma la maggior parte dei frutti sono a basso contenuto calorico rispetto al suo peso.
Proteine e Grassi: composti azotati come proteine e lipidi sono scarse nella parte commestibile di frutti, mentre importanti nei semi di alcuni di loro. Così il contenuto di grasso varia tra lo 0,1 e lo 0,5%, mentre la proteina può essere compreso fra 0,1 e 1,5%.
Profumi e Pigmenti: Il frutto contiene acidi e altre sostanze aromatiche che, insieme con elevato contenuto di acqua dei frutti rende questo rinfrescante. Il sapore di ogni frutto è determinata dal loro contenuto di acidi, zuccheri e altri aromi. L' acido malico predomina nella mela, l' acido citrico in arance, limoni e mandarini e acido tartarico in uva. Pertanto coloranti, aromi e astringente composti fenolici, anche in concentrazioni molto basse, un influsso determinante sulla frutta accettazione organolettiche.

(Fonte Wikipedia)

Anche loro fanno parte della famiglia